0
Non hai alcun prodotto nel tuo carrello.
 Prodotti
Subtotale: 
 
Polifenoli
POLIFENOLI

Oggi è ormai accertato che frutta e verdura sono molto importanti nella dieta quotidiana, perché svolgono azioni benefiche su tutto l’organismo.

La ricerca scientifica ha dimostrato che i pigmenti colorati della frutta hanno caratteristiche protettive davvero preziose e difendono la pianta stessa dagli stress ambientali, dai raggi UV e dai parassiti.

Questi pigmenti si chiamano polifenoli: una grande famiglia di molecole presenti negli alimenti di origine vegetale.

È un sistema di protezione naturale molto efficace, che ha tanto meno ragione di svilupparsi quanto più diminuiscono i fattori esterni pericolosi per la pianta. Ecco perché, purtroppo, la concentrazione dei polifenoli risulta minore nella frutta e nella verdura più diffuse, coltivate in condizioni ambientali ottimali.

Non va poi dimenticato che spesso, al momento di consumare la frutta, la buccia viene eliminata, ma è proprio nella buccia che si trova la maggior concentrazione di polifenoli.

Sono invece i vegetali selvatici che, essendo più soggetti alle aggressioni esterne, hanno una maggiore quantità di polifenoli: soprattutto i piccoli frutti di bosco, come le more, i mirtilli e le fragoline.

Recenti studi scientifici hanno dimostrato che la bacca con la maggiore concentrazione di polifenoli è il maqui: un piccolo frutto dal colore blu intenso.

La pianta, l’Aristotelia Chilensis, cresce nell’arcipelago Juan Fernandez e nella Patagonia cilena, in condizioni climatiche estreme, con grandi sbalzi termici e forti venti.

E’ proprio in risposta all’ambiente così estremo che il maqui produce in abbondanza questi composti naturali, che si rivelano importanti antiossidanti e antinfiammatori.

Il maqui viene raccolto solamente a mano, perché l’uso di mezzi meccanici potrebbe compromettere il delicato habitat naturale, nuocere alla pianta e al frutto, così prezioso per l’altissima concentrazione della tipologia di polifenoli responsabili della tipica colorazione blu: gli antociani.

Nel maqui il 70% di queste sostanze naturali è costituito dal sottogruppo delle delfinidine, ricco di proprietà salutistiche.

Non a caso, l’integrazione a base di estratto di maqui è il consiglio prezioso di Barry Sears, l’ideatore della strategia alimentare Zona.

GLOSSARIO

POLIFENOLI
Prodotti dal metabolismo secondario delle piante, i polifenoli svolgono numerose funzioni per la sopravvivenza e la salute delle piante stesse: dalla pigmentazione alla protezione dai raggi UV, fino all’azione antiparassitaria.
A partire dalla metà degli anni ‘90, queste sostanze naturali sono state studiate dalla scienza; oggi sono noti circa 4000 composti, tra cui i flavonoidi, gli isoflavoni, gli acidi fenolici, gli stilbeni, gli esteri del tirosolo, le proantocianidine e le antocianine.
Frutta e verdura sono la principale fonte alimentare di questi composti: alimenti fondamentali per il benessere dell’organismo umano.
ANTOCIANINE
Le antocianine (dal greco anthos = fiore, kyáneos = blu) sono una speciale tipologia di polifenoli con pigmenti che cambiano colorazione in base all’ambiente: a seconda del pH, infatti, possono tendere al rosso, al rosa, al viola, fino al blu intenso.
In natura esistono diversi tipi di antocianine, presenti per esempio nei frutti rossi e nell’uva rossa e nera (ogni frutto ha un proprio profilo, chiamato “impronta digitale”).
Questi composti naturali si distinguono dalla maggior parte dei polifenoli, spesso amari, per due caratteristiche principali: una buona solubilità in acqua e un piacevole gusto fruttato, quando presenti nelle giuste concentrazioni.
DELFINIDINE
Tra i sottogruppi in cui si dividono le antocianine, le delfinidine rappresentano la famiglia di polifenoli con la maggiore presenza di un “ossidrile”, che garantisce solubilità in acqua, grazie alla quale diventa elevato l’assorbimento intestinale (che spesso, invece, è molto ridotto nel caso di altri polifenoli).
<span">A differenza di altri sottogruppi molto diffusi, le delfinidine sono prevalenti sulle antocianine solo in pochi alimenti vegetali. Il frutto che ne è più ricco in assoluto, con oltre il 70% delle antocianine totali, è il prezioso maqui.