0
Non hai alcun prodotto nel tuo carrello.
 Prodotti
Subtotale: 
 
Il benessere? Si ottiene con la Zona, il movimento e “la finestra magica”

Ce ne parla Elena Casiraghi, esperta in nutrizione

 

Siamo sempre in movimento: lavoro, scuola, università, spesa, figli da accompagnare e recuperare e, non ultimo, casa da sistemare. Eppure questo non basta.

L’organismo, per raggiungere uno stato di benessere, ha necessità di alimentarsi in maniera bilanciata e di eseguire un’attività fisica possibilmente programmata. Questo non significa andare in palestra o a correre o nuotare in giorni prestabiliti e fissi, bensì far lavorare l’organismo con stimoli precisi e con adeguata frequenza, dedicandogli opportuno recupero tra una seduta e l’altra.

L’attività fisica, oltre che favorire - quando necessario - il dimagrimento ed il mantenimento del peso raggiunto, permette un ottimale sviluppo osseo e mantenimento del tono muscolare (specie dopo i 40 anni quando per natura i parametri di forza e di tono dei muscoli tendono a ridursi). Permette poi di controllare meglio la glicemia e di avere una ridotta risposta insulinica a parità di zuccheri assunti. Favorisce inoltre il tono dell’umore, un miglior controllo ormonale, ottimizza la pressione, il cuore ed il sistema immunitario. 

Non bisogna strafare: un eccesso di attività fisica non è favorevole alla salute poiché aumenta i livelli di cortisolo e quindi favorisce l’infiammazione, che noi tanto ci impegniamo a controllare attraverso un’alimentazione bilanciata come la Zona. Quindi gradualità e costanza sono importanti.

Per chi vuole iniziare a correre e non l’ha mai fatto è bene cominciare con la camminata a passo spedito, a seguire alternare tratti di camminata intensa e tratti di corsa così da adattare con gradualità le articolazioni e la frequenza cardiaca.

Non solo. Per chi segue la Zona e fa attività fisica in maniera costante è importante che nella prima mezzora post allenamento consumi uno spuntino pari a 1 blocco, preferendo - solo in questo caso- dei carboidrati ad alto indice glicemico. Questo piccolo spuntino non sarà da sommare ai restanti blocchi quotidiani ma in maniera silente rifornirà l’organismo delle sostanze necessarie per recuperare le energie e riparare oltretutto i muscoli, riducendo così i tempi di recupero, favorendo - per chi ne è alla ricerca - il peso forma ed il benessere.

Nella prima mezzora successiva all’esercizio, infatti, i muscoli sono maggiormente disponibili a ricevere quanto consumato durante l’attività fisica. La chiamano “finestra magica” poiché ciò che in questa finestra di tempo entra nell’organismo viene trasmesso ai muscoli che si sono sottoposti all’impegno fisico. In questa maniera avremo maggiori energie e un miglior umore da dedicare ai nostri impegni e relazioni.

In un’unica parola: benessere.