0
Non hai alcun prodotto nel tuo carrello.
 Prodotti
Subtotale: 
 
5 vie per il benessere

Il benessere passa attraverso alcuni fattori da cui non possiamo prescindere: un’alimentazione bilanciata, esercizio fisico costante e un sonno di quantità e qualità adeguato. C’è di più.

Anche la natura dei nostri pensieri, la nostra attitudine ad affrontare gli eventi della vita e le relazioni di cui ci nutriamo possono influenzare la nostra salute e i nostri stati d’animo. Il motivo? È semplice: ciascuna di queste strategie agisce sui nostri ormoni. Va da sé quindi che è necessario prenderci cura di noi stessi ogni giorno attraverso questi fattori. Quello che guadagneremo sarà una ventata di positività, fisica e mentale. E in questo articolo desidero raccontarti proprio come raggiungere - e mantenere - questo benessere globale.

COLAZIONE BILANCIATA

Al risveglio nelle prime ore del mattino il nostro organismo è nel massimo della sua attività energetica. Serve pertanto consumare un pasto che fornisca le giuste energie bilanciando i nutrienti tra loro. Al contrario le colazioni ricche in zuccheri portano a una rapida ipoglicemia reattiva a metà mattina, evento che se protratto nel tempo ci rende costantemente affamati e nervosi. C’è di più. La colazione va consumata entro un’ora dal risveglio. Questo permette di partire con le giuste energie evitando di intaccare ulteriormente le riserve di energia del fegato utilizzate nel riposo notturno dal sistema nervoso.

ESERCIZIO FISICO “QUOTIDIANO”

Se nutrirsi è un’esigenza per l’organismo, altrettanto è muoversi. L’esercizio fisico praticato quotidianamente può promuovere sia il benessere fisico ma anche quello mentale e frenare il declino cognitivo. L’attività fisica fa nascere nuove idee, riduce l’ansia e il tono di umore depresso e allena la creatività. Tutti benefici che sono raggiungibili e mantenibili solo se troviamo con costanza il modo di dedicare del tempo all’esercizio fisico.

INTEGRAZIONE ALIMENTARE

Un’alimentazione quotidiana bilanciata e ricca in sostanze positive come la Zona è sicuramente il primo passo per conservare, o ritrovare se necessario, il benessere con cui siamo nati. A volte però da sola non è sufficiente. Per questo risulta vantaggioso mantenere costante la disponibilità nell’organismo di due sostanze preziose: gli acidi grassi omega 3 e i polifenoli. I primi hanno la capacità di agire in maniera positiva sui processi infiammatori, i secondi invece di agire sul corretto funzionamento di ogni cellula. Sostanze così indispensabili che potrebbero essere definite “trainer del benessere”.

THINK POSITIVE

La natura dei nostri pensieri e la qualità delle nostre relazioni possono influenzare il benessere. Un’attitudine positiva alla vita e la scelta di circondarsi di persone che ci facciano stare bene aggiunge ulteriore benessere alla vita. La ragione? Ce la spiega la scienza: ciò che pensiamo, l’attitudine ad affrontare i problemi e i momenti negativi, il nostro approccio alla vita insomma può modulare gli ormoni. A farci stare bene poi c’è anche il modo in cui i nostri neuroni captano i segnali positivi dalle persone che ci circondano. Il merito in questo caso è dei neuroni “a specchio”.

SONNO NOTTURNO

Il nostro benessere trova origine anche nel sonno: servono, in media, 7-8 ore a notte perchéé il sonno notturno possa essere davvero ristoratore. Ci sono persone che recuperano efficacemente anche con 6 ore, ad altre invece ne serve una quantità maggiore: circa 9. Una cosa appare certa: chi dorme costantemente meno di 6 ore per notte dimostra nei fatti una ridotta efficienza nelle attività della giornata e un ridotto livello di benessere. In altre parole si stanca più rapidamente, produce – anche a livello mentale - con minor efficienza, nel tempo tende a perdere tono e forza muscolare e infine rischia di ammalarsi con maggiore facilità.

E’ importante, infine, curare anche la qualità del sonno notturno, oltre che la sua durata.  Un’alterazione del sonno notturno, infatti, se protratta nel tempo induce uno squilibrio ormonale. Esattamente come accade quando l’alimentazione non è bilanciata.

Elena Casiraghi, Ph.D. - Equipe Enervit