0
Non hai alcun prodotto nel tuo carrello.
 Prodotti
Subtotale: 
 
Leggende metropolitane

Un piano alimentare equilibrato con una scelta oculata dei vari nutrienti consente di sfatare certi falsi miti, che spesso portano fuori strada a scapito del benessere.

Esistono leggende metropolitane sulla Zona? Certo, come accade per ogni fenomeno di successo che richiama l’attenzione di molte persone.

Eccone alcune:

• la Zona funziona solo se si fa molta attività fisica. Non è vero. Tale affermazione deriva forse dal fatto che moltissimi atleti adottano questo metodo per migliorare le loro performance che possono avvalersi di maggiore energia, aumentata lucidità e recuperi più veloci. Tuttavia non è vero il contrario, cioè non bisogna essere atleti per usufruire degli innumerevoli effetti positivi della Zona. Un po’ di attività fisica è consigliata per gli indubbi vantaggi che procura in generale alla salute e in particolare al controllo insulinico che è alla base di questo metodo, il quale però principalmente si avvale di un’appropriata alimentazione

• seguendo la Zona bisogna rinunciare a pane e pasta. Non è vero. Questi carboidrati sono sfavorevoli, quindi vanno usati con moderazione, per privilegiare i favorevoli della frutta e della verdura che consentono di interpretare al meglio il metodo. Tuttavia ciò non significa che si debbano bandire il pane, la pasta, il riso e tutti i carboidrati a rapida o rapidissima assimilazione che causano problemi se usati senza la necessaria cautela. Semmai il suggerimento di evitarli riguarda soprattutto le prime due settimane, per abituare l’organismo alla nuova alimentazione. In seguito, se si sente la necessità, si possono reintrodurre, tenendo presente che l’ideale sarebbe mantenere la loro quota entro il 25% dei carboidrati di un pasto

• sgarrando una sola volta si compromettono tutti i risultati raggiunti. E’ falso. La risposta ormonale al cibo su cui si impernia la Zona, si rinnova a ogni singolo pasto. Se si fa una trasgressione, gli effetti negativi si ripercuotono nelle ore che seguono immediatamente lo sgarro e cessano non appena si rientra in Zona con il pasto o lo spuntino successivo. Se ciò accade ogni tanto, il danno è talmente limitato da non lasciare nessun segno indesiderato

• si mangia troppo, quindi non si può dimagrire. Questa affermazione ha una sua ragione di essere se si bada alle calorie, ma è falsa se si tengono sotto controllo gli ormoni prodotti in seguito alla digestione, come accade nella Zona. Non sono le calorie a far ingrassare, ma gli eccessi soprattutto di carboidrati che stimolano un’elevata produzione d’insulina, la quale immagazzina in grasso tutte le esagerazioni. Se si organizza un’alimentazione con i carboidrati adatti e si bilancia con le proteine e i grassi secondo le proprie necessità e caratteristiche, si può mangiare molto senza ingrassare. Anzi, si può dimagrire, come dimostrano le moltissime persone che hanno raggiunto felicemente questo obiettivo con la Zona.


Gigliola Braga