0
Non hai alcun prodotto nel tuo carrello.
 Prodotti
Subtotale: 
 
Pellegrino trascina l'Italia al bronzo nella team sprint in tecnica classica: prima medaglia mondiale per De Fabiani

Pubblicato

Dom 24 Febbraio, 2019

tags

no tags

L'Italia si prende un'altra medaglia nella team sprint a Seefeld sale per la terza volta consecutiva sul podio Federico Pellegrino insieme a Francesco De Fabiani.

L'Italia si prende un'altra medaglia nella team sprint a Seefeld sale per la terza volta consecutiva sul podio Federico Pellegrino insieme a Francesco De Fabiani.

Siamo ancora sul podio. Come a Falun, come a Lahti. L'Italia si prende un'altra medaglia nella team sprint mondiale confermandosi tra le potenze di questa specialità nello sci di fondo dopo il bronzo del 2015 e l'argento del 2017: a Seefeld sale per la terza volta consecutiva sul podio del format Federico Pellegrino che negli anni precedenti aveva corso in coppia con Dietmar Noeckler, qui lo ha fatto insieme a Francesco De Fabiani. I due chiudono al terzo posto con Pellegrino che nella volata finale mette i suoi sci davanti a quello dello svedese Calle Halfvarsson e si regala così la seconda gioia di questa rassegna iridata dopo l'argento della sprint individuale in tecnica libera.

Per partecipare a questa gara, De Fabiani ha rinunciato allo skiathlon, che pure prevedeva una partenza mass start che tanto si addice alle sue caratteristiche. Lo ha fatto sapendo che qui si poteva lottare per un risultato importante e il risultato è arrivato, con la prima medaglia mondiale della sua carriera. In finale ha fatto sempre una gara di testa e al quinto giro ha dato il cambio a Pellegrino in terza posizione dietro Svezia e Norvegia. 

In ultima frazione si è ripetuto più o meno quanto accaduto tre giorni prima, con gli atleti che si sono fermati, hanno permesso il ricongiungimento del francese Lucas Chanavat, che si era un po' staccato, e di altri rivali, poi ad attaccare è stato il russo Alexander Bolshunov. A quel punto si è fatta selezione, Johannes Klaebo ha risposto alla grande e poi ha staccato tutti, confermandosi il numero uno assoluto nonostante le fatiche (rivelatesi vane) dello skiathlon e ha trascinato la sua Norvegia all'oro in coppia con Emil Iversen, mentre Bolshunov si è dovuto accontentare dell'argento con il compagno di squadra Gleb Retyvikh. 

Pellegrino, che in tecnica classica fa un po' più fatica, non è riuscito a rimanere in scia dei due fuoriclasse, ma con grande intelligenza tattica ha aspettato il rettilineo finale per scavalcare Halfvarsson e portare l'Italia sul podio. Ancora una volta. Per lui è la quinta medaglia iridata: aggiungendo l'argento olimpico e i tanti titoli nazionali, a casa ha davvero una meravigliosa collezione.

Fonte: fisi.org